STORIA DEL CAVALLO SPAGNOLO
   

Allevato in Europa e America del Sud, il luogo d'origine del cavallo di razza "Andaluso" è l'Andalusia (Spagna) ed è conosciuto anche come "Pura razza Spagnola".

Le origini di questo cavallo sono controverse. Sembra discenda dai cavalli arabi e berberi giunti in Spagna con i mori nel 711, incrociati successivamente con cavalli indigeni.

Preferito già dagli Imperatori romani è stato il cavallo di Re e Condottieri, come testimoniano ritratti e statue in tutta Europa.

Dall'Andaluso discendono i cavalli Lipizzani e nei secoli questa razza ha contribuito a creare molte razze europee ed americane.

Bondadoso
   
L'Andaluso ha dominato la scena dell'allevamento equino dal XII al XVII secolo imponendo la sua supremazia, contrastata solo dal cavallo Arabo. La razza Andalusa ha soprattutto influenzato, anche attraverso il cavallo Napoletano che da essa trasse origine, molte delle più illustri razze europee e, mediante gli esemplari portati con sé da Cristoforo Colombo nel suo secondo viaggio nel Nuovo Mondo, tutte le razze americane.

Fra le razze europee che maggiormente hanno risentito dell'apporto, diretto o indiretto, del sangue andaluso dobbiamo ricordare: il Lipizzano, il Friesian, l'Hackney, il Kladruber, il Frederiksborg, l'Oldenburg, lo Holstein, l'antico Normanno e l'Orlov. Fra quelle americane la razza che ne ha subito il maggior influsso è senza dubbio il Criollo. Storicamente, l'allevamento vero e proprio si può far risalire a Filippo II, fondatore delle scuderie reali di Cordoba nel 1571.
   
HOME - CHI SIAMO - CAVALLI - STORIA - CONTATTI